•  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  • 1
  •  
    2
    Shares

Siamo a Riyadh, capitale dell’Arabia Saudita, illuminata dal designer italiano Marco Balich, in occasione del Noor Riyadh: il festival di luci e arte. Scopriamolo insieme.

Marco Balich

Cambieremo molte cose e la tecnologia ci aiuterà. Ma se guardiamo oltre momento di necessaria distanza fisica, sarà inevitabile tornare agli eventi dal vivo perché la parte esperenziale è fondamentale per creare un attaccamento”.

Noor Riyadh
Noor Riyadh, il festival di luci e arte della capitale dell’Arabia Saudita

Così Marco Balich guardava al post pandemia. Oggi si trova a firmare il suo primo progetto post pandemia, il Noor Riyadh, in Arabia Saudita.

Ma chi è Marco Balich? Un designer italiano, sognatore, costantemente improntato verso il futuro. Sul curriculum ha undici olimpiadi. Agli albori della sua carriera è stato il designer del mega concerto dei Pink Floyd a Venezia del 1989. Fino ad arrivare al famosissimo Albero della Vita dell’Expo di Milano 2015.

Le grandi firme del Noor Riyadh 2021

L’annuale festival di luci e arte di Riyadh prende vita anche quest’anno. In questo mondo che ancora arranca in balia dell’epidemia, cominciano a riaffiorare i primi festival dal vivo.

Noor Riyadh
Installazioni di luci al Noor Riyadh

Il Noor Riyadh 2021 è firmato quest’anno, come dicevamo, dal designer italiano Marco Balich, che si trova nella capitale Araba come direttore creativo. Al suo fianco un’altra italiana: il direttore artistico, Lida Castelli. Insieme ai due italiani, c’è anche la curatrice Eiman Elgibreen, il cui compito è quello di gestire i 33 artisti che sono coinvolti nel festival di quest’anno.

Proprio Elgibreen racconta di quanto sia coinvolgente il festival delle luci. Niente attrae e include più della luce. Le stelle nel cielo, una giornata di sole, un falò intorno al quale riunirsi.

“Quei due minuti, il tempo della performance, rimarranno impressi nella memoria di mio figlio per sempre. Abbiamo ora un’amante dell’arte in più”.

Ed è proprio l’entusiasmo di un bambino che il festival di luci e arte deve sollecitare. L’entusiasmo dei bimbi di oggi e di tutti quei bimbi sopiti nel corpo degli adulti di oggi.

Il festival proseguirà fino al 3 aprile 2021.

Under The Sky

Il tema del Noor Riyadh, festival di luci e arte, di quest’anno è Under the Sky.

Noor Riyadh
Under the Sky, siamo tutti sotto lo stesso cielo

Quest’anno il festival assume un significato ancora più profondo. Under the Sky, siamo tutti sotto lo stesso cielo. La pandemia ce lo ha insegnato. Siamo tutti uguali, camminiamo tutti sulla stessa terra, respiriamo tutti la stessa aria e viviamo sotto lo stesso cielo.

Under the Sky allude all’impulso umano universale a raccogliersi intorno alla luce, a guardare le fiamme di un falò e a guardare le stelle”.

Il Noor Riyadh è un inno alla speranza, un manifesto per il futuro, un futuro migliore, inclusivo, luminoso. Un futuro condiviso da tutti, per tutti.

Luminoso come il festival di luce. Quella luce che ci guida verso il futuro, quella luce che ci porta fuori dal buio della pandemia e che ci ricorda che c’è sempre un motivo per illuminare la vita degli altri e la nostra.

Il titolo del festival assume un significato diverso in lingua araba, piuttosto che in inglese. In lingua originale, infatti, significa proprio “ci riuniamo sotto un unico cielo”. Uno stare insieme unico e universale. Un vero inno alla speranza, all’uguaglianza e all’inclusione.

Gli artisti del Noor Riyadh

A questo festival di luci e arte hanno partecipato, ovviamente, moltissimi artisti del posto. Tra gli artisti sauditi che hanno voluto cimentarsi nella sfida di illuminare il futuro ci sono: Ahmed Mater, Lulwah Al-Homoud, Ayman Zedani, Saeed Gamhawi e Ali Alruzaiza.

Noor Riyadh
Installazioni artistiche al Noor Riyadh

Ci sono poi, anche, moltissimi artisti internazionali, come: Daniel Buren, Robert Willson, Carsten Holler e Ilya & Emilia Kabakov.

C’è la mostra di riferimento per la light art: Light Upon Light: Light Art since 1960, un programma di conferenze, workshop ed eventi.

Inoltre, ci sono tour virtuali, per poter visitare il Noor Riyadh, festival di luci e arte della capitale Saudita, comodamente da casa tua, da qualsiasi parte del mondo e in qualsiasi momento.


  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  • 1
  •  
    2
    Shares