•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Posterheroes è un contest a livello internazionale che ogni anno invita studenti, designer esperti o semplici appassionati di graphic design a realizzare un poster. Il poster è sempre incentrato sui principali argomenti di interesse sociale e di risonanza mondiale. Alla fine, una giuria composta da alcuni tra i più importanti esperti di graphic design al mondo sceglierà il poster vincitore.

Quest’anno il contest indetto da posterheroes recita: “Posterheroes, a poster for integration”. Non servono altre parole, adesso sta tutto in mano ai graphic designer che decideranno di tuffarsi nella sfida, tra bravura e solidi principi.

A Poster for Integration

Integrazione, politiche migratorie e diversità nella società contemporanea”. Questo è l’incipit dell’edizione di quest’anno, l’ottava, di Posterheroes, l’associazione culturale che ogni anno lancia il guanto di sfida a tutti gli esperti, o semplicemente gli appassionati, di graphic design.

Il contest, lanciato il 2 Aprile, terminerà il 3 Giugno.

posterheroes
Posterheroes – A poster for integration

La proposta lanciata quest’anno vuole ovviamente sensibilizzare l’opinione pubblica per quanto riguarda un topic così importante e attuale. Vuole dar vita a una personale lotta contro le discriminazioni ed enfatizzare le “diversità”, favorendo l’integrazione, non più vista come un problema, ma come un solido mattone per costruire le fondamenta della società del domani.

Come dice l’introduzione al contest, viviamo in un mondo globalizzato, dove il cosiddetto “diverso” vive nella porta accanto e non deve essere considerato una minaccia. Viviamo a contatto con diverse culture, lingue, religioni e abitudini. Queste devono essere un modo per crescere culturalmente e personalmente. Un modo per migliorarsi e per creare una società più solida e costruttiva delle precedenti.

Le domande poste dal contest

Posterheroes lascia come linee guida per chiunque volesse cimentarsi nel contest alcune domande sull’argomento:

  • Che importanza hanno le migrazioni e le diversità per una nazione?
  • Cosa significa superare la paura dell’Altro?
  • Quali sono i confini psicologici e fisici che ostacolano il processo d’integrazione?
  • Chi è il cittadino globale del futuro?

Le risposte a queste domande serviranno non solo a realizzare fantastici poster per il contest, ma anche a creare una comunità del futuro integrata e globalizzata.

I poster potranno essere dei poster regolari 50×70 o 70×100 o dei poster kinetic.

La giuria di Posterheroes

La giuria di quest’anno è composta da Baugasm, visual designer e creative director, entrato a far parte del mondo della grafica attraverso il mondo della musica. Il suo vero nome è Vasjen Katro ed è diventato famoso per il suo progetto a poster a day project, durante il quale ha realizzato un poster al giorno per due anni.

Il secondo membro della giuria è Malika Favre, un artista francese che vive a Londra. Infine, troviamo i Studio Mut, composto da Thomas Kronbichler e Martin Kerschbaumer. Studio Mut è considerato uno dei più vibranti studi grafici in Italia.

Le precedenti edizioni di Posterheroes

Posterheroes da vita al primo contest nel 2012, con “Il futuro dell’energia”, al quale hanno partecipato 450 posters provenienti da 50 nazioni. Nel 2013 il topic era incentrato sul consumismo, “Il problema è che ci siamo convinti che la ricchezza e le tecnologie devono essere accettate come naturali”. Nel suo secondo anno il contest ha più che raddoppiato i partecipanti, arrivando a contare 1088 posters di 67 diverse nazioni.

posterheroes
I poster di posterheroes

Nel terzo anno posterheroes ha voluto parlare di smart cities ed evoluzione trasparente. Nel 2015, invece, l’argomento era il cibo e la difficoltà di trovarne di qualità, salutare e sostenibile. Durante la quinta edizione si è parlato nuovamente di cibo, “Food in The Loop”. Nel 2017 ecco spuntare uno degli argomenti più discussi degli ultimi anni: “I diritti in amore”. Infine, per l’edizione dello scorso anno, si è parlato di futuro: “Siamo tutti responsabili per cosa ci riserva il futuro”.

L’anno scorso i posters hanno sfiorato i 3000, precisamente 2908, provenienti da 103 diversi paesi, vedremo cosa ci riserverà l’edizione di quest’anno.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •